Warning: A non-numeric value encountered in /home/metainitaly/public_html/metainitaly.eu/wp-content/themes/flawless-v1-17/include/gdlr-admin-option.php on line 10

Warning: A non-numeric value encountered in /home/metainitaly/public_html/metainitaly.eu/wp-content/themes/flawless-v1-17/include/gdlr-admin-option.php on line 10
Meta in Italy Percorsi migranti | Metainitaly
Warning: Parameter 1 to wp_default_scripts() expected to be a reference, value given in /home/metainitaly/public_html/metainitaly.eu/wp-includes/plugin.php on line 601

Warning: Parameter 1 to wp_default_styles() expected to be a reference, value given in /home/metainitaly/public_html/metainitaly.eu/wp-includes/plugin.php on line 601
info@metainitaly.eu

Percorsi migranti

Percorsi Migranti, a cura di Lucilla Saccà e Martha Canfield opere, installazioni, performance e una rassegna di film che hanno come tema la migrazione.

Si è svolta a Milano Fabbrica del Vapore una mostra che fa riflettere sul tema delle migrazioni. Un fenomeno che ha interessato tutti i popoli: le foto di Francesco Niccolai mostrano non solo bambini che giocano, con la stessa gioia dei piccoli nelle nostre strade, ma coppie e persone che un giorno avevano una professione, esattamente come noi, e un luogo stanziale, esattamente come noi, e che ora vivono in campi a causa di grandi manovre altrui, villaggi organizzati, ma che non hanno il profumo e il calore della propria casa.
L’installazione di Cornelius Gravil mostra una mappa fatta di piante provenienti da tutti i continenti… piante che si sono adattate a diversi climi e culture, così come fanno le persone.

Nell’opera “wearable truth”, Goran MIcic propone dei manichini “vestiti” con carta di giornali che mescolano, in un colorato e fragile collage, notizie di attualità mescolate con immagini di cronaca e costume, invitando a riflettere sulla realtà effettiva del nostro quotidiano e sulle usuali apparenze che siamo soliti “indossare” davanti agli altri.

Percorsi migranti

Particolarmente struggente il lavoro di Florencia Martinez, artista argentina (di origini italiane, come molti del suo paese) che negli anni ’90 ha lasciato Buenos Aires per Milano, dove da anni propone la sua opera con numerose mostre collettive e personali.

DSC_5170 (FILEminimizer)

Con poetica grazia l’artista ha incorniciato ricordi intimi (i suoi abitini da bambina, preziosamente conservati da sua madre – oggi ricamati con le date degli eventi più importanti della sua vita) e ha creato con ritagli di abiti da sposa un incantevole “Libro Blanco” (libro bianco) cucito con foto e memorabilia d’epoca che affiorano con delicatezza fra pizzi e ricami. Un “racconto” tessuto con sentimento e rispetto per la propria storia che ci fa riflettere sull’importanza della consapevolezza delle nostre personali evoluzioni.

Florencia Martinez - libro biancolibro blancoQuesta mostra fa parte del progetto Chiostro in AzioneChiostro di Levante dell’Università degli Studi di Firenze – ideato da Floriana Tagliabue, direttrice della Biblioteca Umanistica e curato da Lucilla Saccà. Una nuova realtà espositiva, realizzata con la collaborazione di Lucia Denarosi e Walter Scancarello, che è legata alla secolare memoria del luogo che la ospita e che si propone, attraverso la produzione di eventi culturali, la valorizzazione di un’area da restituire al pubblico universitario e alla città di Firenze.
Opere di: Enrico Bertelli, Miguel Fabruccini, Cornelius Gavril, Mauricio Lupini, Manuela Mancioppi, Florencia Martinez, Luca Matti, Goran Micic, Francesco Niccolai, Pietro Riparbelli con Elena De Angeli.

 

di Barbara Santoni

Leave a Reply