Warning: A non-numeric value encountered in /home/metainitaly/public_html/metainitaly.eu/wp-content/themes/flawless-v1-17/include/gdlr-admin-option.php on line 10

Warning: A non-numeric value encountered in /home/metainitaly/public_html/metainitaly.eu/wp-content/themes/flawless-v1-17/include/gdlr-admin-option.php on line 10
Meta in Italy Per decodificare le tendenze future | Metainitaly
Warning: Parameter 1 to wp_default_scripts() expected to be a reference, value given in /home/metainitaly/public_html/metainitaly.eu/wp-includes/plugin.php on line 601

Warning: Parameter 1 to wp_default_styles() expected to be a reference, value given in /home/metainitaly/public_html/metainitaly.eu/wp-includes/plugin.php on line 601
info@metainitaly.eu

Per decodificare le tendenze future

Al Première Vision di Parigi si sostiene la trasformazione della moda lanciando il Wearable Lab: uno spazio al centro dello show progettato per mostrare i protagonisti di Fashion Tech.

Il Wearable Lab si è svolto su uno spazio interamente dedicato alla Fashion Tech. Strutturato in 4 aree, l’obiettivo era di presentare una selezione internazionale di materiali, prodotti e servizi come fonti di sperimentazione per l’industria della moda:

Ricerca e sviluppo, materiali, componenti e start-up, una mostra d’ispirazione per illustrare il processo di design di Clara Daguin, con un design esclusivo creato per l’occasione e un programma di conferenze sul tema della tecnologia della moda.

Diamo uno sguardo alle tre principali tavole rotonde principali moderate da Vincent Edin, che hanno aiutato i professionisti ad analizzare, pensare e decodificare l’ecosistema tecnologico della moda in rapida crescita.

Design e creazione, fantasia nella tecnologia della moda

Relatori: Pascal Morand (Presidente esecutivo della Fédération de la Haute Couture et de la Mode), Clara Daguin (Stilista), Bradly Dunn Klerks (Senior Innovation Expert for the Arts and Technology).

Sul tema della creatività, la conversazione ha trattato come la tecnologia della moda ha ispirato i relatori. Spesso vista come una minaccia, la tecnologia nell’immaginario collettivo può a volte essere immaginata come una distopia. Il futuro, come illustrato in serie TV come Black Mirror, può davvero essere molto spaventoso. E la tecnologia della moda? Per Mr. Morand, è tanto una minaccia quanto un’opportunità.

«Forse la prima cosa è dare una definizione su ciò che intendiamo quando parliamo di tecnologia della moda: in francese diciamo “technologie de la mode”. Non è niente di nuovo, forse è stata la prima tecnologia, abbigliamento e tessile. In realtà, quello che possiamo dire è che è legato alla 3a e 4a rivoluzione – a partire dalla rivoluzione digitale, e ora si sta diffondendo a numerose tecnologie. Il fattore digitale sta giocando un ruolo molto importante, perché senza gli enormi progressi del software che stiamo vivendo, non potremmo fare quello che stiamo facendo ora. E questo è Fashion Tech. È la parte della moda legata in qualche modo all’Industria 4.0 movimento e rivoluzione.»

In termini di immaginario, secondo Mr. Morand, la tecnologia della moda ha implicazioni considerevoli. Tradizionalmente nell’ambiente della moda, la tecnologia era qualcosa che i professionisti del settore dovevano affrontare (CAD, macchine per tessere, ecc …), e ora, ha detto, “nuove porte si stavano aprendo“.

«Ma quando parliamo del legame tra immaginazione e tecnologia, dobbiamo precisare che va in entrambe le direzioni. Poiché la tecnologia è di per sé ispirata in primo luogo all’immaginazione, ora siamo molto al di là dell’approccio razionale tradizionale e questo è tipicamente un fattore del 21° secolo.»

A proposito del fatto che l’industria della moda è stata influenzata dai giganti della tecnologia, Morand ha condiviso che era necessario un tuffo nel significato stesso dei concetti di queste tecnologie, in quanto uniscono nuova estetica a ciò che i progettisti hanno da dire … “Nel ventesimo periodo di modernismo, una delle cose più importanti è nella cultura Bauhaus, il rapporto con l’oggetto, la sua funzione. Per cosa è utile? E poi hai una confezione carina. Ora siamo oltre. Non consumiamo oggetti. Consumiamo esperienze. In un’esperienza, l’aspetto estetico del progetto e del prodotto e tutto è intrecciato, e la moda è in primo piano davanti a questo. E si applica anche a molti altri settori

Una visione importante, condivisa dalla designer Clara Daguin, che ci ha detto di più sulle sue ispirazioni. Ai suoi occhi, la tecnologia è ormai incorporata nelle nostre vite. Sue è ingegnere e, da giovane, era solita trovare computer e chip aperti ovunque nella sua casa, e questo è stato il punto di partenza della sua ispirazione. Ha spiegato come si sia evoluta dal non sapere veramente cosa rispondere quando gli viene chiesto della funzione delle sue creazioni, di esserne orgogliosa: «Mi è stata posta questa domanda così tante volte. “Stai mettendo un sensore cardiaco nella tua creazione, a cosa serve? Serve una funzione?” Prima ho detto che non lo sapevo, ma ora lo vedo come un approccio artistico, porta qualcosa di bello, dà un’emozione. Quindi ora sono più fiducioso nel dire che non è qui per migliorare la tua vita, ma piuttosto per evidenziarne l’aspetto di bellezza. È più un approccio artistico. E per me, quello che vedo oggi in FT, c’è sempre bisogno di funzioni. Le mie creazioni non sono utili per l’uso quotidiano, sono più per trasmettere un’emozione

Una dichiarazione molto gradita dal signor Morand, «Quello che dice Clara è molto importante. Perché a volte, si dice o si pensa che la tecnologia o il FT stiano guidando di nuovo verso il funzionalismo. Ma se hai qualcosa che non porta emozione, e ti dà solo la funzione, è molto semplice, le persone si annoieranno. Ed è per questo che i numeri della prima generazione di alcuni prodotti FT non hanno raggiunto il successo, quindi per i progettisti la domanda è, come sempre, quella di appropriarsi dei vincoli, per usarli e poi fuggire da loro per sviluppare il loro universo, che è molto emotivo. E poi vedi la tecnologia e il valore emotivo combinati» ha detto Pascal Morand.

Sull’idea che i designer fossero sostituiti da macchine e intelligenza artificiale, Pascal Morand ha definito le due diverse sfaccettature di questa tecnologia: differenziare l’intelligenza simbolica dall’apprendimento profondo, e come si potrebbe comporre musica o disegnare collezioni, dopo essersi nutriti con gli archivi. Ma secondo lui, una tale musica sarebbe ascoltata una volta prima di essere dimenticata, poiché le persone si annoiano quando le opere d’arte mancano di emozione.

Ricordandoci come i designer non si preoccupano molto delle tecnologie, Bradly Dunn Klerks ha dato un’interessante apertura alla discussione. Quello che vogliono, ha detto, è un modo per creare tutto ciò che hanno in mente. Per questo, la tecnologia può aiutare, e i designer stanno iniziando a realizzarlo.

«Abbraccia diverse tecnologie, diversi tipi di artigianato, e lo usi attraverso il triangolo della scienza artistica. Questo triangolo è molto importante e penso che gli alchimisti nei tempi antichi si trovassero su questo modo di pensare, inventando, ricercando. Ora siamo diretti al designer che abbraccia e che si ispira a questo, per diventare un nuovo tipo di alchimista.»

Evocando l’uso della tecnologia come uno strumento di potere morbido per i governi, Bradly Dunn Klerks ha condiviso la sua visione su come la tecnologia possa essere uno strumento per riportare la produzione nei nostri Paesi. Pascal Morand, mettendo l’idea in prospettiva, ha ricordato che anche le tecnologie hanno i loro limiti e che dobbiamo testarli per vedere cosa è possibile.

Attraverso l’esempio dei progressi materiali flessibili nella stampa 3D, ha sottolineato come molte cose siano ancora in fase di ricerca. Ha anche menzionato l’automazione della robotica, dicendo quanto sia complicato applicare il processo all’industria della moda, rispetto a settori come l’automobile.

Per chiudere la conversazione, Vincent Edin ha chiesto a Pascal Morand come a volte le domande etiche possano rischiare di far perdere deii mercati e farci arrivare in ritardo.

«Queste domande etiche sono domande estremamente complesse. Sappiamo che in qualche modo, le due principali sfide di oggi sono le sfide della tecnologia e della sostenibilità, dobbiamo sempre tenerlo a mente. E il problema è che con la tecnologia, è una cosa meravigliosa e la cosa più terribile allo stesso tempo. Quindi cosa possiamo fare con quello? Sappiamo che è anche un meraviglioso campo di possibilità, e anche ciò che ha a che fare con la creatività, per noi, e per noi intendo la FHCM e Première Vision e l’ecosistema, è molto importante, è una battaglia per una visione umanistica della creatività, è radicata in noi stessi nella nostra cultura, nella nostra strategia, nei nostri desideri tutto. Dobbiamo sempre chiederci in che modo la tecnologia può aiutarci a essere più umani e creativi? Abbiamo parole diverse per questo, in inglese si dice Design, e nelle culture latine è Création, – ha aggiunto Pascal Morand – che è in qualche modo mistico … Ma comunque, è la creatività. E ora, la domanda è: come lavoriamo su questo? Questa partnership tra PV e PFW è quella di far sì che questa città si rafforzi nella creatività e nella tecnologia, e che si uniscano i due, soprattutto nel campo della moda.»

Una dichiarazione che è stata completata da Bradly Dunn Klerks, sottolineando quanto siano importanti gli investimenti in questo ambito: «La tecnologia è costosa, basta guardare il telefono in tasca, ogni persona qui, ogni due anni compra un nuovo telefono. Quindi, quando parliamo di educazione, dobbiamo parlare di investimenti, l’industria deve supportare maggiormente le scuole, l’accademico, deve lavorare su entrambi i fronti. Non è solo la responsabilità delle scuole, perché possono investire in macchine, e poi queste macchine diventano obsolete 4 o 5 anni dopo. Quindi dobbiamo iniziare la conversazione su come l’industria deve supportare questo.»

Un ottimo modo per chiudere la conversazione sulla creazione e la tecnologia, e passare a quella che avremo nei prossimi anni: come addestrare i futuri progettisti a strumenti che evolvono costantemente?

Per decodificare le tendenze future

Leave a Reply